“Vaticano: il nuovo ‘Arcipelago Gulag'” di Fra Cristoforo

Le mie fonti “vaticane” mi dicono che a Santa Marta oggi c’era il finimondo. Ullallaaaaa!!! Mamma…che paura…. Chissà quante teste salteranno in questo periodo…
Che strano momento stiamo vivendo. E poi ti  sbucano da ogni dove arditi sostenitori di Bergoglio.
Alias “LECCACALZINI…TURIFERAI…INCENSATORI…SROTOLATORI DI TAPPETI ROSSI…PASSATORI DI CANNUCCIE…SPIONI…CONTROSPIONI…SOSTENITORI DEL ‘TANGA’…CHECCHISTI…SBAVATORI DI PASSAGGIO…FROCIOCOMUNITARI…CENTRI SOCIALBRASILIANI….PERIZOMIANI…” che bello…perizomiani…potrebbe essere il nome di una nuova congregazione maschile della chiesa arcobaleno’…e via andando…

Ma anche nel giornalismo vedo che non rimangono indietro. Gente che prima disprezzava la figura del Sommo Pontefice. Ora anche i più accaniti sono diventati misteriosamente papisti. E’ il caso di Marco Politi, ad esempio.
Giornalista del Fatto Quotidiano. Leggete un attimo questo articolo a proposito dei volantini appesi sul Vescovo di Roma
(http://www.ilfattoquotidiano.it/2017/02/05/manifesti-contro-papa-francesco-un-attacco-preciso-brutale-e-ben-pianificato-sbaglia-chi-minimizza/3369430/).

Ma dico…vogliamo veramente scherzare?  Addirittura parliamo di “attacco brutale”???? Ahahahahahahahahah!! Ma no dai. Rivediamo due cose. Dei laici hanno voluto manifestare in modo “civile” il loro dissenso sull’operato di Bergoglio. Oltretutto senza offendere nessuno ed in modo simpatico. E tu Marco Politi mi parli di attacco brutale…pianificato…sbagliato minimizzare?

Vogliamo ricordarci caro Politi quando Papa Benedetto è stato attaccato da tutto il mondo per il suo discorso a Ratisbona? QUELLO SI CHE ERA UN ATTACCO BRUTALE, BEN PIANIFICATO, CALCOLATO DAGLI AMBIENTI VELENOSI PIU’ VICINI AL PAPA…E A CUI NEPPURE BERGOGLIO (al tempo cardinale a Buenos Aires) SI E’ SOTTRATTO…ANZI..CONTRIBUI’ COME SUO SOLITO A BUTTARE BENZINA NEL FUOCO..

In quell’occasione, oh Marco Politi, tu sei stato uno dei primi a lapidare Benedetto XVI per quel discorso sulla violenza dell’Islam. E vediamo oggi quanta ragione ha avuto quel santo Papa. Tu sei stato uno di quei giornalisti che si è lasciato trascinare dallo sport del momento. Menare Benedetto.

E oggi ti scandalizzi..e gridi al complotto per un manifesto che “dissente” dallo sfascio che Bergoglio sta fomentando?
Questa non è onestà intellettuale.  Questo non è giornalismo libero. Quelli come te dovrebbero capire che i “dissidenti” non sono pochi.  Ed è troppo semplice catalogare i dissidenti come “conservatori”. Qui non si tratta di essere conservatori, ma semplicemente fedeli…si, FEDELI all’insegnamento integrale del Vangelo di Gesù. A cui nessuno, NEANCHE UN PAPA, PUO’ PERMETTERSI DI APPORVI CORREZIONI.
E se cerca di farlo (come sta accadendo) NOI GLIELO IMPEDIREMO. PER AMORE A GESU’, ALLA MADONNA..E ALLA CHIESA FONDATA DA CRISTO.

Che cavolo! Il Vescovo di Roma può dire alle donne di non fare figli come conigli, può fare i francobolli di Lutero, può concedere la comunione ai divorziati risposati, può elogiare Fidel Castro ed Emma Bonino, può ignorare la Chiesa Cattolica sotterranea in Cina, può chiedere scusa ai gay (di cosa poi…), può dire che non esiste un Dio Cattolico, ecc…E NON GLI SI PUO’ DIRE CHE NON SIAMO D’ACCORDO? NO. BERGOGLIO. NO POLITI. NOI NON SIAMO D’ACCORDO. E LO DIREMO FINO ALLA MORTE.

Spero che almeno in Italia sia rimasta ancora la libertà di opinione. Perché in Vaticano è un’usanza persa dal Marzo 2013. E chi se ne frega. Si arrabbi pure il Vescovo di Roma. Si “misericordi” quanto gli pare e con chi gli pare. Tanto il momento sta per arrivare.
Anche per lui.

Fra Cristoforo