“Spifferi parte IX: particolari troppo inediti” di Fra Cristoforo

Questo è uno spiffero inedito. Negli uffici della Congregazione per la Dottrina della Fede, vi è una sala adibita a “pausa caffè”, dove ci sono dolci, torte, forno a microonde, eccetera (al primo piano).
C’è anche un salottino dove si riuniscono i responsabili delle varie confessioni.

In questa sala qualche giorno fa è stato detto, da un famoso funzionario di tale dicastero: “stiamo lavorando per accelerare il diaconato femminile”. Ad onor del vero spiego una cosa importante. Il diaconato femminile nella Chiesa Cattolica, non sarà come quello maschile. Le donne avranno -certamente- una “stola”, ma potranno solo predicare, e non avranno “potere” di benedire (se non in casi eccezionali).
Daranno la Comunione, quindi predicheranno. I Battesimi li potranno fare solo se manca un ministro “adatto”.  
In caso di estrema necessità -caso per caso- come dice Bergoglio (giusto per far adattare i fedeli…).

Ovvero, se manca un sacerdote o un diacono “ordinario” uomo.
Però mi sembra grave lo stesso. Anche perché, come sappiamo, l’intento è quello di rendere pian piano “normale” una cosa simile. Affinchè non ci sia più differenza tra noi e i luterani.
E poi sdoganare tutto quello che resta.

Un funzionario della Congregazione per la dottrina della fede (sudamericano), non faccio il nome, riferisce che Muller “è un uomo fallito”.
Che sta dove sta solo perché Bergoglio gli sta facendo una cortesia. E pare che il suo sostituto sia proprio Maradiaga.
So sempre bene che rischio tanto a riferirvi. Ma credo anch’io che sia più giusto riferirvelo. Almeno nella mia coscienza. E se mi beccano Amen.
Vi ho detto solo la Verità.

Fra Cristoforo